il mondo Mac visto da un utente medio…

Pubblicato: 21 ottobre 2010 in Hi-Tech

Prendo un commento fatto da chi ha riassunto anni e anni di discussioni con “winzoz user” che non riuscivano a capire la vera utilità e il vero uso che va fatto i un computer e lo riporto a voi.

Grazie a Conetto per questo stupendo messaggio, grazie!

voi di winzoz 7 … prendete una versione originale o tranquillamente anche scaricata di AUTOCAD 2009 o AUTOCAD 2010 … provate anche solo ad installarlo …

se ci riuscite … provate a lavorarci due ore di seguito ( e passare solo due ore di seguito davanti autocad e’ pochissimo quando si studia architettura …

AH! non ci siete riusciti a lavorare per due ore di seguito? … dai su riavviate … vedrete che non vi dara’ piu’ problemi di MEMORIA INSUFFICIENTE…

che succede?… ah non si spegne?? come mai? forse e’ “impallato” …

spento? ah meno male ci sei riuscito … hai staccato la batteria?????? maccome per spegnerlo hai staccato la batteria perche’ ERA IMPALLATO? … ma scusa hai 6 gb di ram … con 40 COMMODORE SIAMO ANDATI SULLA LUNA E CON 6GB DI RAM NON RIESCI A LAVORARE SU AUTOCAD???

questo accade a 6 computer su 10 aventi WINZOZ SEVEN in una banale aula di architettura di 130 persone … DOVE SI COMPRANO I PC PERCHE’ OVVIMENTE COSTANO DI MENO E GIRA AUTOCAD …

peccato che non sia del tutto vero.

detto cio’ … informatici che sparlate e riparlate e poi bla bla di paroloni e devi saper far girare il tuo pc … io accendo il mio mac e lavoro, disegno, chatto, navigo e mai problemi … non siamo tutti informatici … ma siamo tutte persone che hanno un pc e un PC deve assecondare l’utenza che nella sua mediocrita’ acquista non solo per necessita’…

se per far funzionare come si deve un pc con winzoz devo essere un esperto -_-” allora la cosa e’ grave … molto grave … e non dite che non avete visto piu’ shcermate blu … perche io UTENTE MEDIOCRE … ne vedo OGNI GIORNO E PIU’ DI UNA…

ma io ho mac … e me ne frego.

Trattasi di commento al blog di iSpazio e quindi non soffermatevi sulla grammatica, non è un articolo bensì un pensiero, uno sfogo.

Continuiamo con i boccaloni….

Pubblicato: 18 ottobre 2010 in Bufale & Affini

…ieri mi sono imbattuto in questa “Meravigliosa Bufala” che racconta come, dopo essere scaduto, il latte torna al produttore, viene ribollito e poi rivenduto.

 

Il latte ha una scadenza. Il latte scaduto non venduto viene mandato di nuovo al produttore che PER LEGGE può effettuare di nuovo il processo di pastorizzazione a 190 gradi e rimetterlo sul mercato. Questo processo PER LEGGE può essere effettuato fino a 5 VOLTE. Il produttore è obbligato a indicare quante volte è stato effettuato il processo, e in effetti lo indica, ma a modo tutto suo, nel senso che chi si è mai accorto che il latte che sta bevendo è scaduto e ribollito chissà quante volte?Il segreto è guardare sotto il tetrabrick e osservare i numerini Ci sono dei numeri 12345. Il numero che manca indica quante volte è scaduto e poi ribollito il latte. ES: 12 45 manca il “tre”: scaduto e ribollito 3 volte.

Ma non finisce qui, perché in uno scatolo da 12 buste ci saranno alcune buste dove manca il numero e altre dove ci saranno tutti i numeri. Attenzione tutto lo scatolone avrà ricevuto questo trattamento. In questo modo le aziende si arricchiscono, riciclando di fatto il latte scaduto, e chi ne paga le conseguenze siamo noi che di fatto beviamo acqua sporca!!!

 

Qui la foto:

 

Ora, giustamente, una persona con un certo QI, riesce a capire che è una emerita stupidata e cerca di indagare; risultato? Potete vederlo voi stessi sul sito della CODACONS che vi allego:

CODACONS – Latte Ribollito?

Ora, vi prego, smettetela di credere ad ogni stronzata vi arrivi per e-mail e, se proprio avete dubbi, fate delle indagini, incociate varie fonti e cercate voi stessi la verità o siamo un branco di pecoroni ai quali si può raccontare di tutto?

Ciao!

 

La notte dei fuochi d’artificio.

Pubblicato: 16 ottobre 2010 in Arte & Spettacolo

Come segnalato dal “Giornale di Vicenza” questa sera alle 21:45 verrà sparato il primo botto della 33^esima gara pirotecnica a Bassano del Grappa.

Invito tutti i Bassanesi e non a partecipare a questo bellissimo evento.

 

Perchè non cercare di andare…

Pubblicato: 15 ottobre 2010 in Politica

…oltre alla normale visione di chi vuole solamente contestare l’operato di un governo, di una nazione e di un lavoro che viene eseguito e per l’ Italia e per l’Europa e per il mondo?

Mi riferisco alle varie sentenze dei “buonisti” (chiamiamoli così), coloro che vedono tutto facile, che con delle lettere riescono a trovare soluzioni e a salvare il mondo ma che non si rendono conto del lavoro che c’è dietro ad una gestione mondiale di pace. Parlano, insultano, pretendono, manifestano ma non fanno niente altro che creare disaccordo, bufere politiche e malcontento.

Per porvi un esempio cito un lettera pervenuta a “il Manifesto” che, come potete leggere, insiste sul ritiro delle forze armate in Afganistan. A seguito uno stralcio della lettera.

 

CHE CI STIAMO A FARE LI’?da Partito Umanista

Dopo la morte di altri quattro militari italiani, risulta ormai evidente che la cosiddetta “missione di pace” in Afghanistan non è mai stata tale, ma è stata sempre una missione “guerra”.
Chi ha la pace nel cuore e la luce nella ragione ha sempre saputo che era così e non era certo necessaria la morte di tanti soldati e di tanti civili per capire, sin dall’inizio di questo delirio bellico, che di tutto si trattava tranne che di missione “di pace”.
[…]
E’ giusto, quindi, domandarsi “che ci stiamo a fare lì?”.
Il Partito Umanista propone il ritiro immediato delle truppe italiane dall’Afghanistan, al fine di impiegare finalmente tutta l’intelligenza e le risorse disponibili per aiutare veramente il popolo afghano a risollevarsi.
Tanta intelligenza e nemmeno un’arma. Di questo ha veramente bisogno il mondo.
Al contempo il Partito Umanista si augura che aumenti sempre di più il numero di militari in cui si risvegli la coscienza e si rifiutino di rischiare la propria vita per false soluzioni, così come detta la nostra Costituzione.
Ora, vorrei cercare di far capire a questi “buonisti” che è grazie alle forze armate presenti nelle varie missioni di pace (e di tale si trattano, non andiamo a provocare o a fare la guerra) che in Italia, Europa e Mondo possiamo stare più tranquilli; laggiù nasce per primo il terrorismo e laggiù dobbiamo cercare di “istruire” il popolo Afgano. Laggiù noi, come dite voi nella lettera, andiamo ad aiutare il prossimo, ma non possiamo andare solamente con la croce rossa, con i volontari o quant’altro perchè sarebbe pericoloso e, senza la presenza dei nostri cari militari, le morti sarebbero maggiori e sarebbero morti di civili!
I nostri militari non vanno per compiere una guerra come voi dite, sono presenti in Afganistan (o altri paesi con altre missioni) per tutelare il cittadino Afgano e i gruppi di aiuto presenti in tutto il territorio. Non vanno per uccidere i civili Afgani ma per difenderli da chi, come è successo l’altro giorno, cerca di impossessarsi del territorio con bombe, fucili e violenza. Non vanno per odio o rancori ma per difendere, noi, te stesso mio caro “buonista” da futuri attacchi terroristi e tramite loro (i militari), la polizia Italiana e le varie Istituzioni mondiali anti-terrorismo noi tutti possiamo vivere più tranquilli.
Ritirarsi dall’ Afganistan o da altre missioni di pace vorrebbe dire abbandonare un popolo all’ira di certe teste calde.
Spero vi sia ora chiaro “cosa ci stiamo a fare lì”!
Ricordo oltretutto che per le morti degli operai sul lavoro nessuno mai effettua un minuto di silenzio, sono centinaia, migliaia all’anno. Questo non serve per sminuire il lavoro dei soldati, anzi, dobbiamo ringraziarli molto ma loro sanno che il lavoro è rischioso, lo sappiamo tutti ma grazie alle loro gesta noi possiamo vivere tranquilli.

 

Tavolo Musicale

Pubblicato: 15 ottobre 2010 in Hi-Tech

Nel 2007 è nata una nuova tecnologia per creare musica; si tratta di un tavolo touch-screen che permetteva, con l’ausilio di alcuni oggetti, di “assemblare” molteplici loop sonori creando appunto il mix musicale.

Qui possiamo vedere una dimostrazione:

Oggi possiamo trovare anche sul nostro iPhone questo divertente strumento che ci permetterà di giocare con la musica elettronica. Per informazioni seguite questo link:

Reactable Mobile

Back To The Mac.

Pubblicato: 14 ottobre 2010 in Hi-Tech

Questo è quello che recita lo slogan sugli inviti che Apple sta inviando alla stampa; come potete vedere dall’ immagine, nascosto dietro alla mela morsicata c’è un leone.

Back To The Mac.

Adesso, sapendo che in passato ci fu il sistema operativo “Tiger”, ora si sta usando “Leopard” (la versione attuale è “Snow Leopard”) si presume che il prossimo 20 Ottobre 2010 sarà la data di presentazione del nuovo sistema operativo “Lion”. Queste sono le “voci di corridoio” che girano per il web, niente ancora di sicuro ma sappiamo bene come Steve Jobs si diverta a tenerci tutti con il fiato sospeso.

Stay Tuned!

A.A.A. Cercasi Aiutanti

Pubblicato: 14 ottobre 2010 in Comunicazioni

Come vedete siamo proprio agli albori e stavo cercando degli aiutanti che scrivano articoli e/o pubblicizzino il blog. Chi fosse interessato può contattarmi anche tramite un commento a questo articolo, grazie.